All’Aniene il playout d’andata: Mantova doppiato 4-2. Giuliani, due su due

Quattro a due. Questo il punteggio che ha sancito la vittoria della Cybertel Aniene sul Saviatesta Mantova nell’andata del playout. L’ottima prestazione offerta dagli uomini di Claudio Giuliani, sul parquet amico del To Live, infonde rinnovata fiducia in vista del ritorno, che avrà luogo sabato 5 giugno al PalaNeolù.

PRIMO TEMPO – I capitolini iniziano subito forte, con Savolainen che si oppone in più occasioni sui tentativi di Battistoni, Cabeça e Daniel. A 4’29”, ci pensa Javi Roni a portare in vantaggio il team giallonero: Taliercio, direttamente su calcio d’angolo, indirizza la sfera all’interno dell’area, dove lo spagnolo numero 45, approfittando della respinta corta di Titon, firma l’1-0. L’Aniene continua a spingere, ma i lombardi reggono l’urto e, a 12’25”, trovano il pari: da un’incomprensione tra Javi Roni e Tondi, in uscita su lancio lungo di Savolainen, Suton impatta la sfera al volo dalla trequarti e trova lo specchio lasciato incustodito. Il portiere dei padroni di casa si riscatta prontamente, compiendo un tuffo magistrale sulla staffilata angolata di Bueno. Gli ospiti acquisiscono sempre più fiducia e Petrov, a 2’10” dall’intervallo, centra l’incrocio dei pali. Tondi, a 21” dal break, è ancora provvidenziale nel murare Ganzetti nell’uno contro uno.

SECONDO TEMPO – La banda di Giuliani, negli spogliatoi, riordina le idee e si vede: Cabeça, per pochi centimetri, non centra la porta su suggerimento di Battistoni; Daniel, defilato, colpisce poi il palo su corner di Taliercio. I romani mantengono l’inerzia della sfida e, a 9’58”, si riportano avanti: Abdala, da fallo laterale, trova il connazionale argentino numero 13, che tira di prima intenzione; Il “Mago”, su respinta difettosa di Savolainen, si avventa come un rapace e insacca di giustezza. I capitolini, nonostante i 5 falli a loro carico, mantengono la partita in pugno e, a 15’32”, siglano il 3-1: Cabeça, da due passi, finalizza in allungo l’assist di Taloni su angolo. Jeffe, allora, si gioca la carta Bueno nel power play. Raubo ringrazia e, dopo aver scippato palla a Titon, segna a porta vuota da centrocampo. A 3’29” dalla sirena, quindi, i gialloneri conducono 4-1. I virgiliani, 58” più tardi, realizzano però il 4-2: Micheletto serve Petrov sulla sinistra, che fredda Tondi sull’angolino lontano. Gli ospiti, poco più tardi, hanno la ghiotta chance di trasformare la sfera del 3-1: Ganzetti, appostato sul secondo palo, non riesce a capitalizzare il passaggio d’oro del compagno di squadra numero 11. Si chiudono di fatto così i primi 40’ dello spareggio salvezza. La Cybertel Aniene, quindi, ripartirà dal doppio vantaggio nel return match di sabato prossimo al PalaNeolù. Per Giuliani, invece, si tratta del secondo successo in altrettante gare sulla panchina della prima squadra. Avanti tutta.

CYBERTEL ANIENE-SAVIATESTA MANTOVA 4-2 (1-1 p.t.)
CYBERTEL ANIENE: Tondi, Raubo, Schininà, Battistoni, Cabeça, Daniel, Taloni, Abdala, Pilloni, Biscossi, Taliercio, Javi Roni, De Filippis, Mariano. All. Giuliani
SAVIATESTA MANTOVA: Savolainen, Suton, Titon, Hrkac, Petrov, Bueno, Micheletto, Baroni, Marchetti, Ganzetti, Conti, Solosi. All. Jeffe
MARCATORI: 4’29” p.t. Javi Roni (A), 12’25” Suton (M), 9’58” s.t. Abdala (A), 15’32” Cabeça (A), 17’33” Raubo (A), 18’31” Petrov (M)
AMMONITI: Biscossi (A), Battistoni (A), Petrov (M)
ARBITRI: Fabrizio Schirripa (Reggio Calabria), Saverio Carone (Bari) CRONO: Angelo Bottini (Roma 1)

© Ufficio Stampa Cybertel Aniene

0 Condivisioni